Successi

Questo numero in forma di newsletter di Link è nato osservando i consumi culturali del 2018 e del 2019. Per forza di cose, racconta un mondo che il Covid-19 ha messo quantomeno tra parentesi. È ancora troppo presto per dire se i nostri gusti cambieranno e come questa esperienza influirà sulla produzione di contenuti, ma tra pochi mesi o più in là sarà in ogni caso utile sapere dove eravamo, da dove siamo partiti. Cosa ci dicono, dunque, i successi dell’industria culturale di questi ultimi anni? A differenza di anche solo dieci anni fa, la frammentazione dei consumi, l’emergere di nicchie sempre più definite e isolate, l’imporsi di nuovi modelli di business hanno cambiato lo statuto e il numero dei prodotti di successo. Ed è arduo tenersi aggiornati su quello che “funziona”. Ci sono fenomeni che appaiono e scompaiono nel giro di pochi mesi, soprattutto in ambito digitale. E possiamo trovarci di fronte a generi ignoti fino alla stagione prima che diventano il gusto condiviso di un’intera generazione.

immagine articolo Tenerezze indipendenti
immagine articolo Nordic Noir & co.: una questione di stile
immagine articolo La serialità persino nei libri
immagine articolo I soldi, il successo
immagine articolo Netflix: la library generalista e il consumo “usa e getta”
immagine articolo Conflitti espliciti e sottotraccia
immagine articolo Distopie realizzate
immagine articolo YouTube verso il mainstream
immagine articolo Quando la serialità nobilita il guilty pleasure
immagine articolo L’estate tutto l’anno
immagine articolo La scrittura sulla natura (e sulla scienza)
Link 26

Dopo l'evento

I media e la pandemia

Scopri il numero