Numero 25 - dicembre 2019

Contro la tv. Venticinque miti da sfatare

Questo numero di Link ha l’obiettivo di mettere in crisi alcune idee radicate sul digitale e sulla televisione: bias, luoghi comuni e retoriche che negli ultimi anni sono troppo spesso diventati altrettanti assiomi. Siamo partiti dall’assunto che la contrapposizione tra tv e online sia in larga parte falsa. Che ragionare in termini dualistici sia un errore che genera ansia e paura e porta a commettere altri errori.
Pensiamo che sia utile una visione più critica, per superare la lettura manichea che circola non solo nel discorso pubblico, ma perfino tra gli analisti e tra gli stessi broadcaster, sempre più ossessionati dal pensiero paralizzante della fine.

Contro la tv: Editoriale

Un medium che si rivolge a tutti

Il mito dell’automazione

Alcune buone ragioni della persistenza del piccolo schermo

Perché lo zapping è ancora necessario

Quando la consapevolezza (e il consumo) sono di massa

Il mito del film lungo

Il valore eccezionale e duraturo del classico televisivo

Al centro di acquisizioni, fusioni e grandi gruppi editoriali

Elogio del serial detox

Le rivincite del couch potato

Il piacere di guardare qualcosa insieme

Bambini, una posologia dei media

Tra internet e tv, un ascolto difficile ma importante

It’s not tv, it’s HBO. It’s not HBO, it’s Netflix. It’s not Netflix, it’s tv

Salti di qualità: appello per una tv fatta bene

La tv è tanta, ma finché la bolla non scoppia…

Mutazioni e costanti della televisione digitale

Nessun medium rappresenta un popolo, o lo divide in buoni e cattivi

Né globale né sovranista, è solo televisione

La memoria televisiva è legata a tempi e spazi locali

Una televisione fatta di eventi

Anche sulle piattaforme digitali lo scripted resta televisione

Nel destino di ogni influencer c’è la tv

Prove tecniche di integrazione tra generalista e on demand

Lunga vita al palinsesto!

ISBN9788895596259
ISSN1827-3963
Data di pubblicazionedicembre 2019
Direttore editorialeFederico di Chio
DirettoreFabio Guarnaccia
RedazioneAlessia Assasselli, Alessandro Laborano
Consulenza editorialeLuca Barra
Si ringrazia per la collaborazioneGiacomo Traldi, Gabriella Mainardi, Serena Ciani, Giovanni Micocci, Daniele Cesarano, Arianna Cavallo, Paolo Noto, Davide Bassi.
Progetto grafico e Art DirectionTomo Tomo (Davide Di Gennaro e Luca Pitoni) e Pietro Buffa
Formato17x24 cm
Numero di pagine208
Immaginario

Link 26

Dopo l'evento

I media e la pandemia

Scopri il numero