immagine di copertina per articolo Fare un curriculum di soli fallimenti
Flop

Fare un curriculum di soli fallimenti

Sono tutti capaci di mettere in fila le loro medaglie, i loro successi. Serve invece più coraggio per tenere traccia e farsi belli con i flop. A volte, però, funziona.

immagine rivista

Questo articolo è apparso per la prima volta su LINK Numero 24 - Flop. Il fallimento nell'industria creativa del dicembre 2018

Vedi pubblicazione

Il grosso dei miei tentativi si rivela fallimentare. Ma questi fallimenti sono spesso invisibili, mentre i successi si vedono. E questo, ho notato, dà l’impressione che le cose il più delle volte mi vadano bene. Il risultato è che gli altri tendono ad attribuire i propri fallimenti a se stessi anziché al fatto che il mondo è stocastico, che vincere un bando è un terno al lotto e che i membri dei comitati di selezione si svegliano con la luna storta. Questo Curriculum Vitae dei Fallimenti si propone di riequilibrare i dati e offrire una prospettiva un po’ più completa.

Questa idea non è mia, è nata da un meraviglioso articolo apparso su Nature e scritto da Melanie I. Stefan, docente della Scuola di Scienze Biomediche dell’Università di Edimburgo. Inoltre, non sono il primo accademico a pubblicare il proprio CV dei fallimenti. 

È improbabile che questo CV sia completo, l’ho scritto basandomi solo sulla memoria e mancheranno di sicuro molte informazioni. Quindi, se è più breve del tuo, significa che hai una memoria migliore della mia o che sai metterti in gioco meglio di me.

I. Corsi universitari a cui non sono stato ammesso

2008

  • Dottorato in Economia, Stockholm School of Economics

2003

  • Corso di laurea in Medicina, Cambridge University
  • Corso di laurea in Medicina, UCL (University College London)
  • Dottorato in Psicologia, Harvard University
  • Dottorato in Neuroscienze e Psicologia, Stanford University

1999

  • Corso di laurea in Relazioni internazionali, London School of Economics

II. Posizioni accademiche che non ho ottenuto

2014

  • Assistente presso l’Harvard Kennedy School
  • Assistente presso il dipartimento di economia dell’Università di Berkeley
  • Assistente presso il dipartimento di Scienze Cognitive e del Cervello del MIT

Questo elenco è circoscritto agli istituti che mi hanno invitato a visitare il campus. L’elenco delle università in cui ho superato il primo colloquio ma non sono stato invitato al campus e di quelle che non mi hanno neanche chiamato per un colloquio è molto più lungo. Qui ho anche glissato sul fatto che non ho presentato domanda nei principali dipartimenti di economia americani e britannici (Harvard, MIT, Yale, Stanford, Princeton, Chicago, Berkeley, LSE) perché il mio referente accademico non se la sentiva di scrivermi una lettera di presentazione.

III. Premi e borse di studio che non ho ricevuto

2011

  • Premio  dottori di ricerca della rete svizzera per gli Studi internazionali

2010

  • Borsa di studio della Society of Fellows, Harvard
  • Borsa di studio della Society in Science
  • Borsa di studio dell’Università di Zurigo

2009

  • Borsa di studio della Human Frontier

2007

  • Premio Mind-Brain-Behavior (Harvard)

2006

  • Premio Mind-Brain-Behavior (Harvard)

2003

  • Borsa di studio Fulbright
  • Borsa di studio Haniel (German National Merit Foundation)

IV. Rifiuti da parte di riviste accademiche

2016

  • QJE, Experimental Economics

2015

  • AER (x2)

2013

  • PNAS, Experimental Economics, Science, Neuron

2009

  • AER

2008

  • Science, Neuron, Nature Neuroscience, Journal of Neuroscience, Journal of Vision

V. Finanziamenti per la ricerca che non ho ottenuto

2016

  • Borsa di ricerca MQ: Transforming Mental Health

2015

  • Borsa di ricerca della Russell Sage Foundation (due bandi distinti)

2013

  • Borsa di ricerca della National Science Foundation

2010

  • Borsa di ricerca dell’Università di Zurigo
  • Borsa di ricerca del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica

2009

  • Borsa di ricerca in Financial Innovation
  • Borsa di ricerca dell’International Labor Organization (ILO)
  • Borsa di ricerca del Fondo 3ie

VI. Meta-Fallimenti

2016

  • Questo maledetto CV dei Fallimenti ha ricevuto molta più attenzione di tutti i miei lavori accademici messi insieme.

Johannes Haushofer

Professore associato di psicologia e affari pubblici all'Università di Princeton. È anche membro della Faculty Research Fellow presso il National Bureau of Economic Research e fondatore e direttore scientifico del Busara Center for Behavioral Economics a Nairobi.

Vedi tutti gli articoli di Johannes Haushofer

Leggi anche

immagine articolo Molto hype per nulla
immagine articolo Un hub globale della creatività