immagine di copertina per articolo Fare un curriculum di soli fallimenti
Flop

Fare un curriculum di soli fallimenti

Sono tutti capaci di mettere in fila le loro medaglie, i loro successi. Serve invece più coraggio per tenere traccia e farsi belli con i flop. A volte, però, funziona.

immagine rivista

Questo articolo è apparso per la prima volta su LINK Numero 24 - Flop. Il fallimento nell'industria creativa del dicembre 2018

Vedi pubblicazione

Il grosso dei miei tentativi si rivela fallimentare. Ma questi fallimenti sono spesso invisibili, mentre i successi si vedono. E questo, ho notato, dà l’impressione che le cose il più delle volte mi vadano bene. Il risultato è che gli altri tendono ad attribuire i propri fallimenti a se stessi anziché al fatto che il mondo è stocastico, che vincere un bando è un terno al lotto e che i membri dei comitati di selezione si svegliano con la luna storta. Questo Curriculum Vitae dei Fallimenti si propone di riequilibrare i dati e offrire una prospettiva un po’ più completa.

Questa idea non è mia, è nata da un meraviglioso articolo apparso su Nature e scritto da Melanie I. Stefan, docente della Scuola di Scienze Biomediche dell’Università di Edimburgo. Inoltre, non sono il primo accademico a pubblicare il proprio CV dei fallimenti. 

È improbabile che questo CV sia completo, l’ho scritto basandomi solo sulla memoria e mancheranno di sicuro molte informazioni. Quindi, se è più breve del tuo, significa che hai una memoria migliore della mia o che sai metterti in gioco meglio di me.

I. Corsi universitari a cui non sono stato ammesso

2008

  • Dottorato in Economia, Stockholm School of Economics

2003

  • Corso di laurea in Medicina, Cambridge University
  • Corso di laurea in Medicina, UCL (University College London)
  • Dottorato in Psicologia, Harvard University
  • Dottorato in Neuroscienze e Psicologia, Stanford University

1999

  • Corso di laurea in Relazioni internazionali, London School of Economics

II. Posizioni accademiche che non ho ottenuto

2014

  • Assistente presso l’Harvard Kennedy School
  • Assistente presso il dipartimento di economia dell’Università di Berkeley
  • Assistente presso il dipartimento di Scienze Cognitive e del Cervello del MIT

Questo elenco è circoscritto agli istituti che mi hanno invitato a visitare il campus. L’elenco delle università in cui ho superato il primo colloquio ma non sono stato invitato al campus e di quelle che non mi hanno neanche chiamato per un colloquio è molto più lungo. Qui ho anche glissato sul fatto che non ho presentato domanda nei principali dipartimenti di economia americani e britannici (Harvard, MIT, Yale, Stanford, Princeton, Chicago, Berkeley, LSE) perché il mio referente accademico non se la sentiva di scrivermi una lettera di presentazione.

III. Premi e borse di studio che non ho ricevuto

2011

  • Premio  dottori di ricerca della rete svizzera per gli Studi internazionali

2010

  • Borsa di studio della Society of Fellows, Harvard
  • Borsa di studio della Society in Science
  • Borsa di studio dell’Università di Zurigo

2009

  • Borsa di studio della Human Frontier

2007

  • Premio Mind-Brain-Behavior (Harvard)

2006

  • Premio Mind-Brain-Behavior (Harvard)

2003

  • Borsa di studio Fulbright
  • Borsa di studio Haniel (German National Merit Foundation)

IV. Rifiuti da parte di riviste accademiche

2016

  • QJE, Experimental Economics

2015

  • AER (x2)

2013

  • PNAS, Experimental Economics, Science, Neuron

2009

  • AER

2008

  • Science, Neuron, Nature Neuroscience, Journal of Neuroscience, Journal of Vision

V. Finanziamenti per la ricerca che non ho ottenuto

2016

  • Borsa di ricerca MQ: Transforming Mental Health

2015

  • Borsa di ricerca della Russell Sage Foundation (due bandi distinti)

2013

  • Borsa di ricerca della National Science Foundation

2010

  • Borsa di ricerca dell’Università di Zurigo
  • Borsa di ricerca del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica

2009

  • Borsa di ricerca in Financial Innovation
  • Borsa di ricerca dell’International Labor Organization (ILO)
  • Borsa di ricerca del Fondo 3ie

VI. Meta-Fallimenti

2016

  • Questo maledetto CV dei Fallimenti ha ricevuto molta più attenzione di tutti i miei lavori accademici messi insieme.

Johannes Haushofer

Professore associato di psicologia e affari pubblici all'Università di Princeton. È anche membro della Faculty Research Fellow presso il National Bureau of Economic Research e fondatore e direttore scientifico del Busara Center for Behavioral Economics a Nairobi.

Vedi tutti gli articoli di Johannes Haushofer

Leggi anche

immagine articolo Come il format diventa storia
immagine articolo Crowdfunding. Il cimitero dei flop
immagine articolo Se la Terra fosse piatta?
Divagazioni semi-serie

Se la Terra fosse piatta?

Successi

I trend del consumo culturale

A breve un numero inedito di Link
in esclusiva per gli iscritti alla newsletter.
Ogni settimana un nuovo articolo.