Numero 22 - dicembre 2017

Mediamorfosi 2. Industrie e immaginari dell'audiovisivo digitale

A dieci anni dal primo Mediamorfosi, Link torna a fare il punto sull’industria dell’audiovisivo nello scenario digitale. Il digitale ha pervaso i contenuti audiovisivi e le piattaforme distributive, ridisegnando radicalmente le forme di offerta e di consumo. Il volume racconta come il cinema, la televisione, il videogioco, le piattaforme online si sono evoluti; in che modo i mercati si sono intrecciati e ibridati; quali strategie e modelli di business sono più adatti al nuovo contesto, come le modalità tradizionali si sono ridefinite o ripensate e come si sono innestate novità, rivoluzioni, piccoli e grandi cambiamenti. Attraverso le analisi e i punti di vista di numerosi addetti ai lavori e dei principali studiosi italiani di televisione e media, il volume intende ragionare sul passato, anche recente, per lanciare uno sguardo al futuro e a quanto, in un settore così dinamico, succederà nei prossimi anni. Un bilancio e una scommessa.

Già e non ancora

We Are in the Money. Studio system e modelli di business

Nuove soluzioni e vecchie tare

Lontano da Hollywood

Abbondanza e controllo

Una storia delle abitudini

Non ci resta che produrre

Il potere dello Svod

Pagare per giocare?

Content is Screen

Questione di stile

Scrivere seriale: testo, contesto e mito

Du gust is megl che uan

Un Paese per format

Talk show politico

News: Non tutto è perduto

Il Videogioco Operoso

Content Sphere

In crisi di identità

Anatomia del potere televisivo

La forma del contenuto

Il paradigma “any” ha un costo

Broadcast your brand

La Rivoluzione Imprevista

Fare videogiochi non è un gioco da ragazzi

Come si vende pubblicità oggi

Hanno tutti ragione

Televisione 2.0

Tutti contro tutti

Dio è morto. Marx è morto. E anche la televisione…

ISBN9788895596327
Data di pubblicazionedicembre 2017
Direttore editorialeFederico di Chio
DirettoreFabio Guarnaccia
RedazioneAlessia Assasselli
Consulenza editorialeLuca Barra
Progetto grafico e Art DirectionTOMO TOMO e Pietro Buffa
Immaginario