Numero 21 - giugno 2017

Distretti produttivi emergenti

Quali sono gli snodi più importanti del villaggio audiovisivo globale? Cartografia di una nuova tv.
Accanto ai grandi mercati attivi da decenni, come gli Stati Uniti o la Gran Bretagna, alcuni nuovi paesi si sono imposti sulla scena produttiva e distributiva, occupando uno spazio crescente.
Israele, i Nordics, la Turchia, la Corea del Sud, sono luoghi che portano con sé creatività e modelli di produzione e distribuzione inediti. Spazi da cui si originano immaginari e format capaci di viaggiare praticamente ovunque: dalle narconovelas alla fiction israeliana (come BeTipul/In Treatment o Hatufim/Homeland), dall’animazione francese e sud-coreana alla circolazione internazionale dei format di intrattenimento (Boom, Wreking Ball, Tu cara me suena o Mi madre cocina mejor que la tuya), l’industria televisiva mondiale sta cambiando rapidamente.
Link ha cercato questi distretti, li ha visitati e studiati. E ora li racconta con storie, dati e chiavi di lettura anche inedite.

Distretti produttivi emergenti

Alta pressione creativa

Separati in casa

L’eredità delle serie israeliane

C’è del drama in Danimarca

Le basi per una crescita internazionale

Intervista a Jan Salling

Radici e sviluppi del Nordic Noir

Eastern Promise

Turkish Delight

Il k-drama alla conquista del Sud-est asiatico

Il k-drama alla conquista del resto del mondo

La curiosa storia dell’animazione coreana

Come si supera la paura del format

Un hub globale della creatività

UK: la compagnia delle indie

Come Il trono di spade sta creando un’industria

Tentativi di rivoluzione francese

La leadership francese nell’animazione europea

Tu format me suena

Distratta Italia

The Italian Job

ISBN9788895596303
Data di pubblicazionegiugno 2017
Direttore editorialeFederico di Chio
DirettoreFabio Guarnaccia
RedazioneAlessia Assasselli
Consulenza editorialeLuca Barra
Progetto grafico e Art DirectionTOMO TOMO e Pietro Buffa