Hot

Israele

Topics

Milioni di abitanti

Mila dollari
PIL pro capite

Milioni di famiglie

%%

Famiglie con tv

%

Famiglie con pay tv

Fattori legislativi e produttività

Nel 2013, più del 60% dei programmi di intrattenimento in Israele erano produzioni locali, come il 50% della fiction. La legislazione israeliana prevede due obblighi per incentivare la produzione di contenuti tv: quote di budget di produzione da investire in produzioni locali; e quote di tempo di trasmissione da riservare a programmi prodotti in Israele. Tutti i broadcaster, pubblici, privati e a pagamento, devono riservare parte del palinsesto a testi originali israeliani, perché sono considerati, anche dal punto di vista legislativo, un elemento volto ad arricchire la cultura del paese e a incoraggiare la tematizzazione di argomenti di attualità. Le competenze regolatorie sono ripartite tra tre organismi, l’Israeli Broadcasting Authority (che sta per essere sostituita dal Broadcasting Public Corporation), la Second Authority for Radio and Television e il Council for Cable TV and Satellite Broadcasting, che regolano rispettivamente le emittenti pubbliche, quelle private e quelle via cavo e satellite.

Finanziamenti TV (2014)

Milioni di dollari, Fonte: PWC

Share

(2015) — Rilevato dagli organismi di controllo Second Authority for Radio and Television e Israel Broadcasting Authority* con Accesso FTA

Scorrere lateralmente per vedere tutti i dati

Canale Share (24h) 2014-2015 Status Concessionaria
Channel 2 18,2% +0,1% Privato Keshet / Reshet
Channel 10 8,7% -0,4% Privato -
Channel 1 2,9% -0,4% Servizio pubblico -
Channel 9 1,5% -0,6% Privato -
Music 24 (Channel 24) 0,9% -0,1% Privato Keshet
Education 23 (Channel 23) 0,8% -0,2% Servizio pubblico -
Channel 33 0,4% +0,1% Servizio pubblico -
Altro 66,6% n.a. - -

Fonte: Eurodata 2015
*sarà sostituita da Broadcasting Public Corporation

Capacità creativa

Non solo nelle fiction che hanno fatto parlare di Israele, come Hatufim e Be Tipul, ma anche e soprattutto nell’intrattenimento. Israele è conosciuta per la creazione di format innovativi, dall’alto tasso tecnologico e di ingegnerizzazione, basati su meccanismi replicabili pressoché ovunque.
Still Standing, Rising Star, I Can Do That, Help I Can’t Cook, BOOM! sono gli esempi più importanti.

Produzione per genere

Numero di titoli
Fonte: elaborazioni Link (01/2010-01/2016)

La creatività israeliana è figlia di una società dinamica, che ama le novità e rifugge l’inerzia in tutti i campi, non solo in quello tecnologico. Come afferma Hagai Levi, creatore di In Treatment: “Israele è una nazione senza tradizioni, un paese giovane, non come l’Europa e persino l’America. La tradizione spesso comporta l’esistenza di regole, ma se vuoi emergere l’assenza di regole è un vantaggio. Perché devi inventarti sempre qualcosa di nuovo, partendo da un abbozzo e perfezionandolo via via. In America se qualcosa funziona, si cerca qualcosa di simile: ‘If it ain’t broke, don’t fix it’ è un loro modo di dire. Non è così in Israele: se qualcosa funziona, troviamo qualcos’altro che non è mai stato fatto. La spinta a creare qualcosa di nuovo è molto presente nella nostra cultura”. Una caratteristica dei prodotti tv israeliani è il basso livello dei tratti identitari locali: un elemento importante per la loro replicabilità.

Produzione per tipologia

Numero di titoli
Fonte: elaborazioni Link (01/2010-01/2016)

Vocazione internazionale

Il successo internazionale dei format israeliani risiede nel loro modello ideativo: già in fase di creazione sono pensati per essere “globali”. Ciò è dovuto alle dimensioni ridotte del mercato locale, che spinge tutti gli attori della filiera produttiva a cercare uno sbocco estero per incrementare i loro guadagni. Dagli ideatori ai broadcaster ai distributori, ognuno agisce in funzione di questo obiettivo all’interno di un sistema tv strutturato e dinamico. Un esempio di questa articolazione è rappresentato dalla spartizione di Canale 2, la cui programmazione è affidata a due editori, Keshet e Reshet, che così ottimizzano gli sforzi locali in vista, soprattutto per Keshet, di un maggiore impegno sul mercato internazionale.

Dagli ideatori ai broadcaster ai distributori, ognuno agisce in funzione di questo obiettivo all’interno di un sistema tv strutturato e dinamico.

Export totale per generi

Totale (01/2010-01/2016)
Fonte: elaborazioni Link

Intrattenimento (12)
Factual (9)
Fiction (21)
Game show (10)
Export totale per case di distribuzione

Totale (01/2010-01/2016)
Fonte: elaborazioni Link

Armoza Formats (13)
Dori Media International (7)
Endemol Shine Group (ESG) (3)
Gil Formats (2)
Keshet International (17)

Partnership

I creatori collaborano spesso con case di distribuzione come Armoza per realizzare partnership e sviluppare format con soggetti internazionali. In questo modo aumentano sia la loro indipendenza dai broadcaster locali israeliani sia il controllo sulla vita internazionale del format. Buoni esempi sono I Can Do That (Sì può fare, Raiuno), sviluppato con i cinesi di JSBC, Flight 920 (Italia 1), con i canadesi di TVA, e Babushka, con i francesi di TF1.

Paesi importatori

Numero di titoli
Fonte: elaborazioni Link (01/2010-01/2016)